Marzo 2013

 

angry_emoticon 2.jpgNO Carnevale, NO Party!…

Quest’anno niente festa di Carnevale per i nostri bambini: nonostante l’aspettassero con ansia, è passato senza un minimo di festeggiamenti. E pensare che solo due anni fa Sindaco e Assessore al turismo avevano “messo in pensione” la Pro Loco, dopo quasi vent’anni di onorato impegno carnascialesco, per organizzare loro stesse un vero Carnevale: con tanto di sfilata delle mascherine, ricchi premi per quelle più belle (alla faccia di coloro che un costume non se lo possono permettere…) e spettacolo di magia e cabaret. Quest’anno niente, e tanti sono i dubbi che ci sono rimasti. Forse si sono esauriti i travestimenti? O forse che la giuria di qualità era impegnata a Sanremo per il Festival? Oppure in tempo di crisi si ritiene che non ci sia più nulla da festeggiare, nemmeno per i bambini? Forse, più semplicemente, è mancata la voglia di impegnarsi o ci si è dimenticati del Carnevale… come di tante altre cose (Calici di Stelle, corso di tennis e d’inglese per i bambini, Palio della Botte solo per fare qualche esempio).

 

smile fiore 2.gifAria di Primavera!!!

Nonostante l’ultima abbondante nevicata, la primavera è alle porte: la si sente nell’aria frizzantina, la si vede nelle prime margherite e violette che si fanno largo fra fango e neve… Soprattutto la si vorrebbe sentire arrivare a rinfrescare anche le stanze del Palazzo Municipale: ce n’è voglia e necessità.

Vogliamo allora essere propositivi e consigliare qualche piccolo lavoro da fare per togliere al paese quella pesante cappa che l’ha avvolto negli ultimi mesi.

– I giardinetti davanti al municipio, che non sono costati pochi soldi, hanno bisogno di una rinverdita: è vero che fa ancora freddo ma qualche pianta è morta già dallo scorso anno!

– Il parco giochi, fiore all’occhiello della nostra amministrazione, è rimasto tutto l’inverno ben illuminato ma chiuso a chiave; è vero che nelle prime belle giornate di sole adulti e bambini ci si sono infilati lo stesso, nonostante le transenne (provvisorie ormai dall’estate scorsa!!), ma riteniamo sarebbe meglio che tutti potessero  riprendere a frequentarlo dopo una necessaria pulizia e sistemazione (preferibilmente quotidiana e non stagionale!!!).

– Nelle fioriere sparse qua e là ci sono esempi di piante ormai preistoriche: ve lo assicuriamo, non hanno alcuna possibilità di ritornare in vita e quindi sarebbe bene almeno toglierle, in attesa di tempi migliori per ripiantarle.

– La scala che dalla piazza porta alla via Roma, così comoda per raggiungere posta e tesoreria, è da tempo in stato fatiscente e alquanto pericolosa (l’avevamo segnalato già nel novembre 2011 ma né sindaco né assessore ai lavori pubblici ci hanno dato risposta!). Già a luglio il lavoro era stato affidato ma non se ne è fatto niente: è il momento di provvedere.

– Il parcheggio di Villa ha bisogno di una bella rimessa a nuovo. Sarebbe da sciocchi non provvedere a una periodica manutenzione di un’opera costata soldi pubblici solo perché fatta “dagli altri”.

– Il museo contadino che fine ha fatto? Da come appare dall’esterno sembra ormai abbandonato a se stesso. Peccato! Al suo interno vi è un vero tesoro: vi sono le nostre tradizioni, il nostro passato, la nostra storia e l’impegno di tante persone!  Perché non occuparcene tutti insieme? Noi ci siamo!

 

SmilePerplesso.gifAncora le strade! Nulla e’ cambiato… ma forse ci siamo

Sappiamo che la Comunità Montana ha approvato dei progetti definitivi per la manutenzione delle strade. Sarà la volta buona per le strade che attendono da tempo, senza dover aspettare la prossima campagna elettorale? E ci riferiamo principalmente alle strade per Bosco Chiesa, di Pizzotorto e dei Capricci che portano a case abitate e che sono al limite della percorribilità.

 

Marzo 2013ultima modifica: 2013-03-22T18:56:00+01:00da lazanzara_01
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Marzo 2013

  1. Mi permetto di aggiungere all’elenco delle strade da rimettere in sesto l’ultimo tratto di quella di Molgheto piena di buche ed avvallamenti.
    Vorrei inoltre che ci si dia una mossa per avviare seriamente la raccolta differenziata dei rifiuti, penso che, tanto per cominciare, si potrebbe con poca spesa apporre sui cassonetti un invito ben visibile ad approfittare di quelli esistenti.
    Purtroppo i miei vicini, poco dotati di senso civico, gettano tutto nell’indifferenziato e questo atteggiamento è comune a vecchi e giovani. Padri e nonni che predispongono a figli e nipoti un desolante eredità.

Lascia un commento