Mozione

Abbiamo presentato, affinché venga portata alla discussione e all’approvazione nel prossimo Consiglio Comunale, una mozione sulla RACCOLTA DIFFERENZIATA. Ecco il testo:

MOZIONE

 

Premesso che:

– ARPA Lombardia, nel Rapporto sullo stato dell’ambiente in Lombardia 2009-2010, indica la percentuale di raccolta differenziata di Montalto Pavese al 23,71%;

– l’art. 205 D.lgs. n. 152/2006 prevede il raggiungimento delle seguenti percentuali di raccolta differenziata:

a. almeno il 35% entro il 31 dicembre 2006

b. almeno il 45% entro il 31 dicembre 2008

c. almeno il 65% entro il 31 dicembre 2012 ;

– tali percentuali di raccolta differenziata possono essere raggiunti solo con un puntuale ed efficiente sistema di raccolta differenziata porta a porta;

– in diversi Comuni della Provincia di Pavia si sta sperimentando la raccolta differenziata porta a porta.

 

Considerato che:

– la Broni e Stradella S.p.A. fornisce un servizio di raccolta differenziato ampio e diversificato;

– la frazione umida dei rifiuti urbani non viene raccolta così come non avviene la raccolta degli olii;

– la pratica di incenerimento dei rifiuti comporta un incremento delle patologie legate alla qualità dell’ aria che respiriamo;

– i costi finali di un sistema di raccolta differenziata porta a porta, come testimoniato dai comuni che hanno intrapreso questa strada con ottimi risultati, sono inferiori a quelli di un sistema di raccolta dei rifiuti con cassonetti stradali;

– i cassonetti stradali non consentono di incrementare la percentuale di raccolta differenziata oltre certi limiti;

– tali cassonetti ingombrano e occupano spazi urbani, non è fisicamente possibile la loro distribuzione puntuale nel territorio comunale, limitando oltremodo la percentuale di raccolta differenziata

 

Tutto ciò premesso e considerato

 

IL CONSIGLIO COMUNALE IMPEGNA

il Sindaco e la Giunta Comunale:

 

– a predisporre una campagna informativa rivolta ai cittadini per la riduzione pro-capite della quantità di rifiuti prodotti;

– ad informare adeguatamente i cittadini sulla raccolta differenziata;

– a patrocinare programmi formativi presso le scuole del nostro comune al fine di accrescere la coscienza ecologica degli studenti ed formarli in merito alla corretta effettuazione della raccolta differenziata;

– ad iniziare entro breve un servizio di raccolta differenziata porta a porta per alcune tipologie di rifiuti quali gli oli e l’umido, raccolta che ad oggi non viene realizzata;

– alla realizzazione, seppur per gradi, di un sistema di raccolta differenziata porta a porta con tariffa puntuale al fine di portare la percentuale di raccolta differenziata ai livelli previsti nel decreto 152/06 ;

– a sensibilizzare la popolazione ed informare adeguatamente i cittadini circa le modalità di effettuazione della raccolta differenziata porta a porta.

 

I CONSIGLIERI COMUNALI

del Gruppo Democrazia Progresso

                                       

CASARINI Arturo

FAGIOLI Elisabetta

FERRARI Andrea

SEDDA Elena

 

Mozioneultima modifica: 2012-03-15T11:29:28+01:00da lazanzara_01
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “Mozione

  1. Sapete come si fa in Belgio da ormai 20 anni circa per diminuire i rifiuti e la tassa sui rifiuti?
    Rivoluzionario e geniale: si vendono i sacchetti colorati per umido,carta ,plastica ecc. ecc. e non paghi la tassa sui rifiuti.
    Voii obietterete che chi vorra’ fare il furbo continuera’ a farlo con o senza sacchetti .
    E’ vero ed e’ un problema di cultura italiana.
    Il problema dell’italiano e’ l’italiano , dell’agricoltore e’ l’agricoltore , dell’operaio l’operaio and so on.
    Scommettiamo sul nostro fallimento , come le banche.
    Ciao

  2. Certo che alla fin fine la colpa di tutto è sempre dell’essere umano, a parte le catastrofi naturali tutto il resto è opera nostra.
    Ma allora mettiamoci daccordo e per farlo parliamone di questa nostra “furbizia” che favorisce pochi e danneggia molti.
    Qui c’è una comunità abbastanza ristretta, dovrebbe essere più facile parlarne, discutere e capirsi.
    Trovo che l’idea di pagare i sacchetti per lo smaltimento, anziché pagare una tassa fissa possa essere una buona cosa, si pagherebbe in proporzione ai propri rifiuti.

Lascia un commento